ALLA DIREZIONE SANITARIA OSPEDALE SAN CAMILLO DE LELLIS VIA ISONZO 71043 MANFREDONIA FG

Mi chiamo Nella De Finis e voglio lodare, elogiare, ringraziare e avere braccia così grandi da poter abbracciare tutta l’equipe del reparto ortopedico dell’Ospedale San Camillo di Manfredonia. Mi occupo di volontariato da molti anni e sono molto impegnata nel sociale. Mi sono resa conto, mio malgrado, che i valori della solidarietà e della condivisione, in questa nostra società, non sono ai primi posti delle preoccupazioni umane. In questo nostro piccolo ospedale, però, ed in particolare nel reparto ortopedia, ho ritrovato umanità, professionalità, disponibilità ed educazione. In occasione del mio recente ricovero, infatti, nel corso del quale ho subito un intervento di protesi al ginocchio, ho avuto modo di incontrare diversi operatori sanitari, tra i quali il primario dott. Mauro Agamennone, il dott. Scirpoli ed il dott. Cassano, che hanno svolto la loro missione egregiamente. Un ringraziamento doveroso va a tutti gli infermieri e gli addetti ai servizi di igiene del nosocomio, per le loro impeccabili prestazioni.

Gli ammalati sono ben curati, amati, rispettati e ognuno di loro si sente al centro dell’attenzione. Un elogio particolare sento di farlo ad Antonio Talamo, un infermiere al di fuori della norma. Egli si dedica ai suoi pazienti con abnegazione e senso del sacrificio. Antonio inizia il suo turno di lavoro un’ora prima del tempo stabilito. E’ il paladino degli ammalati, si dedica completamente a loro senza risparmiarsi, anche nelle incombenze più difficili e umili. Tutti i pazienti, quando lo sentono arrivare, esultano di gioia e vedono in lui un eroe che li salverà da ogni male.

Ringrazio di cuore anche tutti gli addetti alla sala operatoria, l’anestesista, dott. Giuseppe Vitulano e Michele Facciorusso. Tutti si prodigano per mettere a proprio agio l’ammalato. Pur di tranquillizzarlo fanno di tutto, arrivando persino ad offrire e diffondere dolci sottofondi musicali. E’ vero, sembra una favola, ma è tutto vero, io ho provato tutto questo. Aggiungo che quando ci sono queste testimonianze di buona sanità, bisogna parlarne e divulgarle. Anche quando tutto ciò avviene a Manfredonia, in un piccolo ospedale di provincia come il nostro: questa bellissima realtà che ci rappresenta e ci fa sentire tutti orgogliosi di farne parte. Non facciamocela rubare!

Con stima ed immenso affetto, vi abbraccio tutti”.

(Manfredonia, 17 maggio 2016 – Nella De Finis)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here