San Severo. Dopo il successo di applausi con Emilio Solfrizzi torna l’appuntamento con la Stagione di Prosa del Teatro Verdi, che ospiterà sabato 5 dicembre (ingresso ore 20.30) lo spettacolo Carmen, un balletto in due atti con Rossella Brescia. “Il programma promosso dall’Amministrazione Comunale – spiega l’assessore alla Cultura, Celeste Iacovino -, con la collaborazione del Teatro Pubblico Pugliese, ancora una volta consentirà al pubblico di assistere ad uno spettacolo piacevole e innovativo, che tratterà anche l’attuale tema dell’immigrazione”. Inoltre dalle 17.15 alle 18 nell’auditorium del Teatro Verdi, Rossella Brescia e l’intero corpo di ballo dello spettacolo incontreranno le scuole di danza della città. Lo spettacolo di Luciano Cannito narra di un gruppo di profughi che sbarca a Lampedusa dopo un viaggio con mille disagi, sfruttati dallo scafista “Escamillo” e braccati dalle forze dell’ordine comandate dal severo carabiniere “Don Josè”.

L’amore travolgente tra Carmen e Don Josè, il tentativo di quest’ultimo di piegare il fiero spirito ribelle della sua amata ad una vita perbene, fatta di routine, belle passeggiate e tanta televisione. La passione si trasforma in noia, solitudine, angoscia. Carmen, non sa e non può vivere in una gabbia di mediocrità. Fugge e torna dai suoi amici al campo profughi. Fugge tra le braccia di Escamillo, ben consapevole di quello che l’aspetta. La potenza della musica di Bizet è riuscita a far diventare il nome “Carmen” un archetipo universale della cultura dell’Occidente. Dire Carmen è un po’ come dire passione estrema, voluttà, forza e istinto. Gli amori e le riflessioni sul senso della vita e del destino incerto sono i pilastri di questo spettacolo dove l’unica certezza è la libertà che Carmen sceglierà a qualunque costo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here