Valeria Lepore
Valeria Lepore, from twitter.com

Roma. Valeria Lepore era un’agente di polizia penitenziaria originaria di Toritto, morta a 27 anni a seguito di un ricovero per un calcolo renale e dopo un calvario in tre ospedali (il Giannuzzi di Manduria, il SS. Annunziata di Taranto e il Policlinico di Bari). “Un evidente caso di malasanità” secondo i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Mario Conca e Marco Galante, che hanno presentato un’interrogazione urgente indirizzata al presidente Emiliano nella quale espongono la vicenda, avvenuta tra il 12 ed il 17 luglio 2014. Valeria, originaria di Toritto, si trovava con la famiglia a San Pietro in Bevagna, in provincia di Taranto, per trascorrere le vacanze estive. Nella notte tra il 12 e il 13 luglio entra in codice verde all’Ospedale Civile di Manduria, accusando dolori nella zona renale. Solamente alle 10.30 del mattino, a seguito di un’ecografia, si evidenzia la presenza di un calcolo renale. Segue ricovero presso il reparto di Urologia dell’Ospedale di Taranto nel quale, nel pomeriggio, le viene somministrata una fiala di Rocefin. Da quel momento Valeria inizia ad accusare annebbiamento della vista, debolezza, febbre, forti tremori e una pressione che raggiungerà in serata i valori di 75 su 35. “Ci dicevano che non era nulla di grave, che doveva sottoporsi ad un intervento di routine, ma mia figlia con il passare delle ore stava sempre peggio” dichiara il papà della ragazza. Valeria entra in sala operatoria la mattina del 13 luglio, le sue condizioni peggiorano, alla fine viene trasferita in rianimazione al Policlinico di Bari. Il decesso viene certificato alle 14.06 del 17 luglio.

La famiglia sporge denuncia prima a Taranto e poi a Bari, interroga ministri, assessori, prefetti: nessuna risposta. “La nostra interrogazione è stata depositata in contemporanea ad una lettera sottoscritta da diverse associazioni impegnate nel miglioramento della sanità pubblica e con la quale si chiede la sospensione dal servizio di medici ed infermieri coinvolti nel caso” dichiarano i consiglieri Conca e Galante, che proseguono: “Con la nostra interrogazione intendiamo porre la vicenda all’attenzione del presidente ed assessore alla sanità Emiliano, al quale chiediamo anche di valutare un possibile danno erariale per interventi probabilmente inappropriati e rimborsati in DRG dal sistema sanitario regionale”.

Per dibattere di questo ed altri casi di malasanità e malagiustizia, l’associazione di volontariato “Valeria Lepore” ha organizzato un convegno che si terrà Lunedì 23 Novembre alle ore 10 presso l’aula magna dell’ateneo Università degli studi di Bari e che vedrà anche la partecipazione del consigliere regionale Mario Conca. Gli interventi di relatori di qualità ed esperti, aggiorneranno inoltre l’assemblea dei partecipanti sullo stato dell’arte in materia di legge, giurisprudenza e prassi circa la prevenzione e la repressione dei casi di malasanità; mentre gli interventi di relatori medici servirà ad illustrare il punto di vista degli operatori sanitari per una buona sanità. /comunicato

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here